Trascina questa immagine sulla barra delle applicazioni
Trascina questa icona sulla barra delle applicazioni
Chiudi
Chiudi
Chiudi
Chiudi
Democrazia digitale

Di DigitalUser 1 giu 2012, 02.25
Annamaria Anelli

Antecedente. Nelle ore più tremende del terremoto Groupalia twitta così: “paura del terremoto? Molliamo tutto e scappiamo a #Santo#Domingo!”.
Conseguente. La rete si rivolta contro Groupalia costringedola a scusarsi (goffamente). L’account manager di Groupalia, Andrea Gualtieri, dice così: “Si è trattato di un gesto irresponsabile dettato principalmente da superficialità e inesperienza”.

E adesso leggete queste riflessioni, vi sentirete meglio. Lei è #futurap. [L’ho “conosciuta” via #suxonica :-) grazie].  
Vi sentirete meglio perché penserete che per ogni account manager del genere (“markettari travestiti da social media manager”) c’è qualcuno come #futurap.
Analisi vs parole d’aria fritta.
Perché, dovunque, anche dietro un #account, ci sono le persone. E chiunque parli, e si rivolga a tante persone, deve saper fare una cosa: comunicare bene. Non cambia niente essere fuori o dentro la rete: ciò che fa la differenza è se si è con le persone o contro di loro.

Questo scrive @futurap:
“[…] se foste un grande brand che deve parlare con la rete chi scegliereste da mandare in piazza in vostra rappresentanza?
Una persona con esperienza, sicuramente si. Almeno due tre anni di seniority nel ruolo. Certo. Conoscenza del mezzo dev’essere fondamentale, quindi una persona aggiornata. Ovvio.
Ma non credo che questo basti.
Per fare il community manager oggi devi essere un comunicatore. E per comunicare, oggi come da sempre, devi essere una bella persona.
Devi avere sensibilità, trasparenza, intelligenza, umorismo, buon gusto, curiosità nei confronti del mondo e delle persone, dentro e fuori la rete queste siano”. 

Di DigitalUser 31 mag 2012, 02.31

Annamaria Anelli

 

Interessantissima intervista ad Andy Carvin, forse il twittatore più famoso della rete. Ha coperto le fasi più importanti della “Primavera araba” con la sua redazione: che è lui e le sue mille fonti. Tutte su twitter, tutte sul territorio, tutte ormai attendibili e credibilissime. Senza le sue informazioni di prima mano forse molti articoli e reportage non sarebbero stati così puntuali. Non si definisce un giornalista, ma cos’è se no? La sua rete di followers (circa 69 mila)  gli ha permesso di raccontare cosa succedeva in Medio Oriente mentre succedeva. Una rete che nessun giornalista tradizionale potrebbe crearsi.

 

Per lui le decine di migliaia di persone che ogni giorno raccontano qualcosa tramite twitter svolgono un servizio pubblico: perché contribuiscono a un’informazione migliore, a un giornalismo più attento, a un potere più propenso a dar conto di sé.

 

I pericoli della disinformazione? Se hai paura di questo, ti sei arreso, sostiene Carvin, perché ti perdi un tesoro immenso.

 

Chi fa informazione senza sfruttare le enormi potenzialità dei social network è fuori. Dalle cose e dalla storia.

 

Di DigitalUser 25 mag 2012, 02.47

Mario Raffaele Conti

 

Quando sento parlare di democrazia digitale confesso che qualche dubbio mi viene. E soprattutto mi viene un fiume di domande. Ci avevano detto che la democrazia è un'ipotesi e ora il potere ci dà gli strumenti per controllare il potere? Ma è fantascienza o realtà? O è ancora fumo negli occhi per portare consensi e sesterzi nei forzieri dei soliti noti e soprattutto degli ignoti? Perché quello che non vorrei è che fosse solo un campo da gioco, una palestra in cui lasciare sfogare gli automi, mentre gli oligarchi continuano a gestire il mondo. Secondo voi il potere non si è accorto dell'arma che abbiamo in mano? Sì, se ne sono accorti. E si sono anche accorti che non tutti hanno capito quanto è potente quest'arma. Qualcuno brandisce post e e-mail come fossero foglie e invece sono bazooka e lanciafiamme che radono al suolo colpevoli e innocenti. Qualcun altro impartisce ordini sul web e un esercito si muove come quello di Garibaldi nello spot. 

Le vedo già le orde di internauti che in futuro si uccideranno a parole e prometteranno vendetta, mentre sopra di loro i magnati si spartiranno le ricchezze mentre le piogge acide consumeranno la terra. E posso dirvi con certezza tutto questo perché io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi, navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione…

 

Di DigitalUser 23 mag 2012, 07.01

Intervista a Paola Andreozzi

Marketing Communication Manager di Microsoft Italia

 

 

 

Di DigitalUser 22 mag 2012, 06.54

Intervista a Serena Barilaro

Consulente di comunicazione europea e blogger, corsista Digital Democracy

 

 

 

Di DigitalUser 21 mag 2012, 03.51

Intervista ad Alessandro Lucchini

Linguista, curatore del libro

 

 

 

Di DigitalUser 18 mag 2012, 09.20

Ivan Vellucci

 

Corrado Guzzanti, in una delle sue più esilaranti esibizioni, parlando del web, concludeva: Aborigeno, ma io e te, che c.. c'avremo da di?
 Ecco questa la concezione del web pochi anni fa.

 

Da allora il mondo è cambiato anche grazie al web.
 Oggi internet è il più potente mezzo di comunicazione mai realizzato dall'uomo. Raggiunge ogni angolo della terra (e non solo).

Raggiunge ed unisce razze e religioni. Unisce e divide allo stesso tempo. 
Le idee viaggiano cosi veloci che sono già vecchie nel momento stesso in cui arrivano. 
Ma è potente. Così potente da decretare la vittoria di Obama o la fine di Ben Alì. Se non è democrazia questa, allora ci siamo molto vicini.
 La potenza dello strumento però deve fare i conti con l'ingenuità della gente che, per molti versi, ancora non è pronta per sfruttare una simile potenzialità. O forse si.
 Il futuro è già iniziato. Anzi, è già cambiato.


 

Di DigitalUser 18 mag 2012, 08.30

Intervista a Jessica Camargo Molano

Giornalista e blogger, corsista Digital Democracy

 

 

 
Attività degli amici
Ulteriori informazioni
Chiudi
Chiudi
  • Trascina questa icona sulla barra delle applicazioni
  • Trascina questa icona sulla barra delle applicazioni
  • Trascina questa icona sulla barra delle applicazioni

Funzionalità per l'aggiunta dei siti


Trascina questa icona sulla barra delle applicazioni. Ci sono tre modi per farlo, scegli quello che ti è più comodo:

  • Trascina l'icona che vedi nell'avviso sulla pagina di MSN che stavi visitando
  • Trascina l'icona che vedi sulla scheda del sito Web
  • Trascina l'icona che vedi a sinistra dell'indirizzo Web nella casella dell'indirizzo

Dopo aver agganciato l'icona vedrai una farfalla nella barra delle applicazioni, cliccala con il tasto destro del mouse.

  • immagine della farfalla

I vantaggi:


Aggiungi i siti che visiti spesso alla barra delle applicazioni sul desktop di Windows 7, proprio come faresti con qualsiasi altro programma. Potrai così:

  • accedere più velocemente al canale aggiunto alla barra delle applicazioni.
  • Accedere più velocemente alla sezione di interesse nel canale